William Saroyan – La commedia umana

8 Apr

Layout 1Ero partita con l’idea di segnarmi, come al solito, le citazioni che mi colpivano di più. Carta e penna alla mano, mi sono resa conto che per rendergli giustizia avrei dovuto trascrivere l’intero libro.
Il titolo di questo romanzo è una sintesi perfetta del suo contenuto: un miscuglio di umanità diverse ma tutte essenziali, commoventi, ironiche e dolorose, scanzonate e terribili. Una commedia che va in scena ogni giorno, nel grande teatro del mondo.

I protagonisti sono essenzialmente due, anche se di personaggi adorabili ce ne sono molti: ma questa è la storia dei fratelli Macauley, Homer e Ulysses, che vivono a Ithaca (già, ironia della sorte). Il vero protagonista sarebbe Homer, quattordicenne che di giorno va al liceo e la sera fa il portalettere perché ormai è lui l’uomo di casa: il padre è morto, e il fratello maggiore Marcus è in guerra. E Homer è un personaggio meraviglioso, sensibile, stupefacente. Ma quello che mi ha strappato ben più di un sorriso è il piccolo Ulysses, quattrenne vivace e dolcissimo: “Sai com’è Ulysses – curioso di tutto, sempre interessato. Non parla molto, ma è pronto a emozionarsi per ogni cosa. Ama tutti e tutti lo amano […]”. Proprio così. Quel piccoletto fa stringere il cuore.

E poi, sullo sfondo di una guerra che strappa sempre più ragazzi alla cittadina di Ithaca – straziando l’animo del giovane Homer, che a ogni telegramma consegnato cresce un po’ di più – ci sono una meravigliosa insegnante, un telegrafista solitario, un soldato orfano, un droghiere armeno con un bambino scontento, un capo innamorato, un bambino isolato perché considerato scemo, e una mamma in grado di pensare cose come “Oh, sono stata fortunata, grazie a dio. I miei figli sono esseri umani, oltre che bambini”.

Si sorride, ci si commuove, si riflette, si sente una stretta allo stomaco e al cuore insieme. Ci si sente parte del mondo e si capisce che la vita è dolorosa, e bella, e imprevedibile, e straziante.
L’ho finito con le lacrime agli occhi e un groppo in gola. Leggetelo.

William Saroyan, La commedia umana
traduzione di Claudia Tarolo e Marco Zapparoli
titolo originale: The Human Comedy
marcos y marcos, 2010
288 pagine, 10 €
Acquista su Amazon

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: