Agota Kristof – La vendetta

8 Apr

Prendete un bisturi immaginario, ma ben affilato. Immaginate di farvi, lentamente ma senza sosta, dei tagli sul cuore, sullo stomaco, sui polmoni, dentro la gola. Iniziate a sanguinare, a poco a poco. Dapprima i tagli non si vedono nemmeno, sono sottili e sembrano superficiali, ma più passa il tempo più si fanno evidenti. E alla fine bruciano. Bruciano da morire.

È questo l’effetto della brevissima raccolta di racconti di Agota Kristof, magistralmente tradotta da Maurizia Balmelli. Venticinque fulmini che ti lasciano boccheggiante, con gli occhi sgranati e l’amaro in bocca. Racconti di una, due, tre pagine. Stilettate dirette dove fa più male. Frasi brevi, concise, crude, non c’è spazio per i sentimenti, solo dati di fatto. Eppure queste venticinque vite sono umanissime e ricche di emozioni nascoste sotto la superficie, e il lettore se ne accorge, eccome. Il dolore è un filo sottile che lega ogni capitolo, ogni sguardo perso nel vuoto, ogni lacrima, ogni disperazione soffocata.

Se avete già letto qualcosa della Kristof, avrete a tratti una forte sensazione di déjà-vu. Perché il suo universo è popolato da fantasmi che ritornano, dei quali è impossibile liberarsi. Chi ama la sintesi resterà affascinato dal suo stile asciutto. Chi ama le frasi descrittive e involute resterà pietrificato.

Non c’è spazio per la pietà, in questi venticinque battiti di cuore, né per i giudizi moralistici. Sono ottantatre pagine da leggere con il fiato sospeso, per paura che respirando tutto quel male possa entrarti dentro. Ma è inutile tentare di mettersi al riparo: questo libro ti cattura, ti stringe il cuore in una morsa, ti rimane sotto la pelle, come una scheggia. Parla di solitudini, di uomini che amano alla follia la casa della loro infanzia, di persone che hanno perduto un affetto e di chi non l’ha mai avuto, di ritorni e di incontri e di coincidenze.

Quando l’ho chiuso sono rimasta con le lacrime che mi pungevano dietro gli occhi, crudeli, implacabili. Non sono scese, ma rimarranno lì ancora a lungo. Perché Agota Kristof parla di sconosciuti senza volto né nome, che vivono in città di cui non si sa nulla: parla di vite altrui, ma anche della mia. E della tua.

Agota Kristof, La vendetta
traduzione di Maurizia Balmelli
titolo originale: C’est égal
Einaudi 2010
83 pagine, 8 €
Acquista su Amazon

 

Annunci

2 Risposte to “Agota Kristof – La vendetta”

  1. Seunanottedinvernounlettore dicembre 9, 2013 a 8:54 am #

    Ho ancora da leggere “Trilogia della città di K.” che credo non sia da meno… ma ora ho paura 🙂

    • thais.siciliano dicembre 9, 2013 a 9:01 am #

      Fai bene ad aver paura 😀 Scherzo, leggilo, è meravigliosamente inquietante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: